GIFASP ed Expo 2015: “Cultura della protezione e della sostenibilità” per un packaging attivo nella lotta agli sprechi

Il Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli parteciperà ad Expo 2015 con il progetto "Cultura della protezione e della sostenibilità",«per far conoscere l’importanza del nostro prodotto nella lotta contro gli sprechi», dichiara la Presidente Fulvia Lo Duca.

«La decisione di preparare un programma da dedicare ad Expo 2015 è stata maturata più di due anni fa, quando ci siamo resi conto che Expo non solo ci riguardava direttamente in quanto produttori di imballi primari e secondari per l’alimentare, ma poteva anche costituire un’ottima occasione per far conoscere l’importanza del nostro prodotto nella lotta contro gli sprechi»: così esordisce Fulvia Lo Duca, Presidente GIFASP - Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli e membro del CdA del Gruppo Cartotecnico Abar Litofarma. Lo Duca spiega in questo modo perché GIFASP ha da sempre creduto nell’opportunità di Expo 2015.

«L’opinione comune rispetto agli imballaggi in cartoncino è ambivalente», continua Fulvia Lo Duca, che spiega perchè il packaging di GIFASP viene percepito a volte erroneamente. «Da un lato il nostro prodotto viene vissuto come "buono" perché è riciclabile e costituito da materie prime che provengono da fonti rinnovabili e sostenibili. Dall’altra parte è però opinione diffusa che il packaging in cartoncino non sia poi così necessario, che la sua produzione comporti un forte  impatto ambientale e che faccia parte di quelle attività che causano la deforestazione.
Esiste in effetti una cattiva informazione rispetto all’imballaggio cellulosico. La sua realizzazione comporta infatti un impatto ambientale di gran lunga minore rispetto a quello della realizzazione del prodotto che va a contenere. Uno spreco alimentare dovuto a mancanza di imballaggio avrà quindi un effetto negativo più pesante rispetto alla produzione del packaging stesso.
Per quanto riguarda la deforestazione, le cartiere che producono cartoncino in maniera responsabile utilizzano materiale che proviene da foreste sostenibili, dove per ogni albero abbattuto ne vengono piantati da due a quattro. Tutto questo è dimostrabile attraverso la visione di foto aeree, che documentano come nelle aree di operatività delle cartiere si sia verificato addirittura un rimboschimento».

E conclude: «ricordo infine che il nostro è un prodotto riciclabile. Le confezioni in cartoncino possono essere smaltite nel contenitore della carta e del cartone, contribuendo così a creare la base per la produzione di nuovo cartoncino».

GIFASP - Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli opera, fin dal 1960, come Gruppo di specializzazione all’interno di Assografici. GIFASP segue inoltre strettamente l’attività di Comieco (Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosa), influenza le scelte dell’ECMA (European Carton Makers Association), condividendone le linee strategiche e  collabora con Pro Carton nell’ottica di promozione dell’immagine del packaging cartotecnico.

Sezioni correlate sito istituzionale GIFASP: 
Privacy Policy